Canalone Miramonti

Viaggio alla scoperta del Canalone Miramonti progettato nel 1940 da Bruno Detassis.

Partenza
Partenza
L'ingresso sul pendio di Campiglio è graduale, di solito con un paio di porte angolate per controllare il ritmo prima di accelerare in vista del primo cambio di pendenza.
Ingresso Diagonale
Ingresso Diagonale
La diagonale in contropendenza è il primo passaggio delicato: la pista porta l'atleta verso sinistra, bisogna essere bravi e precisi a risalire e trovare il giusto tempo.
Ingresso nel Canalone
Ingresso nel Canalone
Un nuovo cambio di pendenza porta nel vivo del Canalone Miramonti, con alcune porte filanti che introducono sul terreno più tecnico: al termine di questa sezione, l'atleta si affaccia finalmente agli occhi del pubblico di Campiglio.
Ginocchio del Canalone
Ginocchio del Canalone
Il "ginocchio" porta gli atleti sul muro del Miramonti, famoso per la sua difficoltà e sempre perfetto al passaggio degli atleti. Da qualche stagione, la sezione del muro viene addirittura chiusa durante il giorno della gara, per non poter essere intaccata nemmeno in ricognizione.
Ultimo cambio di pendenza
Ultimo cambio di pendenza
Lavoro finito? Nemmeno a pensarci. Le ultime porte sono meno in pendenza, ma movimentate da un paio di dossi che hanno offerto immagini spettacolari e passaggi al cardiopalma nelle ultime stagioni.
Traguardo
Traguardo
E infine il traguardo, praticamente immerso nel cuore di Madonna di Campiglio. Le manche sul Canalone Miramonti durano fra i 45 e i 48 secondi: una durata che consente anche di ottimizzare lo spettacolo televisivo, valorizzando le immagini del traguardo e del contesto in vista della partenza successiva.

La storia del Canalone Miramonti

Progettato nel 1940 da Bruno Detassis, il “Signore del Brenta”, alpinista, ma anche direttore della prima scuola di sci di Madonna di Campiglio, il Canalone Miramonti è una leggenda dello sci.

Tracciato tecnico, impegnativo, modulato da decisi cambi di pendenza, nel 1967 ha ospitato la prima gara di Coppa del Mondo disputatasi in Italia: sul podio una tripletta francese: Perillat, Jauffret, Lacroix. Su questa pista, tra gare di Coppa del Mondo e Coppa Europa, si sono disputati numerosi appuntamenti della 3Tre, la storica manifestazione ideata nel 1948, divenuta tappa fissa del calendario di Coppa del Mondo FIS.

AudiTrentinoMadonna di Campiglio
© Comitato 3 Tre
Via Pradalago 4, 38086 Madonna di Campiglio TN Italy
P.Iva 02043920228 — C.F. 95015910227
Contattaci Privacy
FacebookTwitterInstagramYouTube
Website credits